Venti Poesie d'Amore e una Canzone Disperata - Pablo Neruda

Immagine della raccolta di poesie "Venti poesie d'amore e una canzone disperata" di Pablo Neruda

Casa Editrice:
 Passigli Poesia
Formato lettura: Cartaceo
Anno edizione: 2018
N° pagine: 91
Trama: 
"Le Venti Poesie d'amore sono la romanza di Santiago, con le strade studentesche, l'università e l'odore di madreselva del buon amore condiviso...
È un libro che amo perché, malgrado la sua acuta malinconia, vi è in esso il godimento dell'esistenza." -Pablo Neruda
Con la presentazione di Federico Garcia Lorca, una raccolta meravigliosa di poesie d'amore e di passione caratterizzate da un tono malinconico.

Recensione:
Questa raccolta di Pablo Neruda percorre un viaggio nel mare dell'amore che inizia con una poesia molto sensuale dal titolo "Corpo di donna" (Cuerpo de Mujer), un esordio perfetto e passionale che percorre letteralmente il corpo della donna amata dal poeta.

"Ma cade l'ora della vendetta, e ti amo.
Corpo di pelle, di muschio, di latte avido e fermo.
Ah le coppe del petto! Ah gli occhi dell'assenza!
Ah la rosa del pube! Ah la tua voce lenta e triste!"

Una cosa che adoro dei libri con il testo a fronte è che posso godermi anche la poesia in lingua originale, e personalmente apprezzo entrambe le versioni, ma a volte l'originale è meglio della copia e io in questo caso ne vado pazza.

"Pero cae la hora de la verganza, y te amo.
Cuerpo de piel, de musgo, de leche ávida y firme.
Ah los vasos del pecho! Ah los ojos de ausencia!
Ah las rosas del pubis! Ah tu voz lenta y triste!"

Neruda attraversa il mare dell'amore lasciandosi alle spalle la solitudine e la tristezza, due componenti che nelle sue poesie sono molto presenti come anche l'oscurità e gli uccelli; purtroppo il viaggio d'amore passionale lo porterà a scoprire che per quanto possa amare la sua donna, l'oscurità e la tristezza non lo abbandoneranno tanto da trovarle anche nell'amata. 

Eppure tutto questo non importa, se lei è al suo fianco e gli sorride, lui è felice.

"Mi piaci quando taci perché sei come assente.
Distante e dolorosa come se fossi morta.
Allora una parola, un sorriso bastano.
E son felice, felice che non sia così"

(Estratto dalla poesia "Mi piaci quando taci")

"Me gustas cuando callas porque estás como ausente.
Distante y dolorosa como si hubieras muerto.
Una palabra entonces, una sonrisa bastan.
Y estoy alegre, alegre de que no sea cierto."

(Estratto dalla poesia "Me gustas cuando callas")

Come anche il titolo della raccolta spoilera terribilmente "e una Canzone Disperata" (y una Canción Desesperada), la navigazione in questo splendido e a volte burrascoso mare termina con un'infinita tristezza segnata dall'abbandono, dal termine della relazione che non pone davvero termine all'amore di Neruda.

"Oh la copia pazza di speranza e di vigore
in cui ci annodammo e ci disperammo." 

"Oh la cópula loca de esperenza y esfuerzo
en que nos anudamos y nos desesperamos."

Se c'è qualcosa da imparare dalle poesie di Pablo Neruda è sicuramente il non risparmiarsi, l'amare dando tutto ciò che abbiamo da dare comunque vada a finire, perché nonostante tutto resta il ricordo e la piena soddisfazione di aver amato davvero; Neruda ha incatenato tutto ciò con le parole, le ha cantate, le ha messe per iscritto perché tutti possano avere consapevolezza di cosa significhi essere innamorati: soffrire eppure esser felici, perché c'è lei.

Venti Poesie d'Amore e una Canzone Disperata di Pablo Neruda è una delle più famose raccolte di poesia al mondo, scritta nell'adolescenza, e anche la più bella che io abbia mai letto. L'ho studiata a scuola e mi ha subito affascinato per i suoi toni tristi seppur vivi di ricordi, ricordi talmente forti, intensi da escludere che possano esserci stati rimpianti, e se davvero può esistere una storia d'amore simile, spero di viverla anch'io e che, al contrario di quella di Pablo Neruda, non finisca.


𝕷𝖊𝖙𝖎𝖟𝖎𝖆

Commenti

Post più popolari

Citazioni