Sogno di una notte di mezza estate - William Shakespeare

 

Copertina dell'ebook gratuito "Sogno di una notte di mezza estate" di William Shakespeare, fornito da Liberliber grazie al progetto Manuzio


Casa Editrice: Liberliber

Formato lettura: Digitale

Anno edizione: ------

N° pagine: 193

Trama: Fate e folletti popolano il mondo fantastico di questa commedia di Shakespeare, lieve e raffinata, in cui amori e tradimenti si susseguono con comicità e grazia incantevole. Dalla bellissima Titania, regina delle fate, innamorata perdutamente di un uomo dalla testa d'asino, al comico e irresistibile Bottom fino al capriccioso folletto Puck, i cui errori nel somministrare i filtri d'amore muovono le sottili trame della vicenda. Una commedia lieve e briosa, ricca di improvvisazioni e colpi di scena, che inaugura un nuovo tipo di rappresentazione nel panorama shakespeariano.

(in qualità di Affiliato Amazon io ricevo un guadagno dagli acquisti idonei)


Leggi la mia recensione per farti un'idea 👇


Recensione:

Più che "Sogno di una notte di mezza estate" io l'avrei intitolato "Fuga e follia in una notte di mezza estate" perché letteralmente i personaggi scappano o tentano di scappare dal loro destino imbattendosi in follie magiche.

Una commedia teatrale tra il tragicomico, il satirico e il magico, che si alterna tra 3 vicende distinte ma intrecciate.
Da un lato il fidanzamento combinato di Ermia con Demetrio, al quale la ragazza non vuole sottostare a costo della vita perché innamorata e corrisposta da Lisandro. Allo stesso tempo Elena, amica di Ermia, desidera ardentemente Demetrio a cui fa la corte, anche se tale ruolo "dovrebbe" spettare all'uomo.
Dopo di che entrano in scena i regnanti del regno delle fate, Titania e Oberon, che in teoria dovrebbero amarsi, ma sono in realtà astiosi l'uno verso l'altra per gelosia. Infatti Titania ha a suo servizio un giovane che vizia e protegge, e Oberon ha desiderio che la regina gli ceda il ragazzo come schiavo, per sbarazzarsi di lui immagino.
Dall'altro lato, dei personaggi che sembrano non c'entrare niente, dei paesani, tra fabbri, locandieri, si riuniscono per mettere su una commedia in occasione del matrimonio di re Teseo e la principessa Ippolita, una commedia sgangherata che farà morir dal ridere.

Le tre vicende si intrecciano quando Ermia e Lisandro decidono di fuggire attraverso il bosco, Demetrio e Elena li seguono, la compagnia di teatranti si riunisce nel bosco per le prove e Oberon mette su un piano mangico per raggirare Titania e farsi dare la custodia del giovane pupillo.
Inutile dire che se ne vedranno delle belle.

Vorrei concentrarmi adesso su dei temi particolarmente importante dell'opera.
Per prima l'emancipazione della donna, l'allontanamento dal patriarcato e la presa di posizione di Ermia che si sottrae al matrimonio combinato, al quale teoricamente dovrebbe pagare con la morte o con la clausura a vita.
Emancipazione che incontriamo anche nella figura di Elena. Elena dal canto suo se ne frega degli usi e costumi comuni andando insistentemente dietro a Demetrio, e gridando al mondo il suo amore per il giovane senza vergogna.
Titania invece dal suo status di regina è la donna più potente del mondo delle fate, servita e riverita viene però soggiogata da un uomo, Oberon.
A questa subordinazione di Titania si aggiunge a mio parere quella di Ippolita che ha poche battute e poca voce in capitolo sulla questione di Ermia.

Questo per dire che se da una parte abbiamo due figure femminili rivoluzionarie dall'altra ne abbiamo due alquanto sottostanti al patriarcato.

Adesso spostiamo il focus sull'aspetto tragicomico della commedia.
Inizialmente Ermia scappa per realizzare il suo amore con Lisandro ma anche per sfuggire a morte certa, piano che viene stravolto dalla componente magica che fa si che Totti e Demetrio di innamorino di Elena, ed Ermia diventi un personaggio completamente fuori luogo che viene addirittura sdegnato e rifiutato.
Allo stesso tempo Oberon fa si che Titania si innamori di un commediante con la testa d'asino, e qui le risate al solo immaginare la scena.
Il culmine della comicità arriva con la messa in scena della commedia dei paesani per il matrimonio di Teseo e Ippolita, tra una donna che non è una donna, un muro che è un uomo e un leone che non è un leone ma ruggisce come tale.

Passiamo ora alla componente magica del racconto. Titania e Oberon, come anche Puck, hanno un ruolo fondamentale nello sviluppo delle vicende.
Sono dei personaggi al di sopra degli esseri umani, quasi all'altezza degli dei e fanno degli umani ciò che vogliono senza preoccuparsi delle conseguenze, vedasi il trasfigurare la testa di un commediante in una testa d'asino.
Oberon e Puck sfruttano i personaggi per i loro scopi, come fossero pedine sacrificabili, ma da parte loro c'è un'azione benefica e non solo indifferente, infatti anche se con la magia Oberon combina un pasticcio, infine rimetterà tutto a posto e farà innamorare Demetrio di Elena creando ai due un lieto fine.

Che dire infine?
Mi sono divertita e sono davvero tanto grata di essermi unita al GDL #shakespeariamoci che mi sta fornendo l'occasione di conoscere maggiormente le opere di Shakespeare.
Vi consiglio, se ne avrete l'occasione, di recuperare anche voi quanti più classici possibili di questo autore.


𝕷𝖊𝖙𝖎𝖟𝖎𝖆

𝐶𝑜𝑛𝑡𝑖𝑛𝑢𝑎 𝑎 𝑙𝑒𝑔𝑔𝑒𝑟𝑒 𝑎𝑛𝑐ℎ𝑒 𝑖𝑛 𝑒-𝑏𝑜𝑜𝑘 𝑠𝑢 𝐾𝑖𝑛𝑑𝑙𝑒 𝑈𝑛𝑙𝑖𝑚𝑖𝑡𝑒𝑑! 𝐻𝑎𝑖 𝑢𝑛 𝑝𝑒𝑟𝑖𝑜𝑑𝑜 𝑑𝑖 𝑝𝑟𝑜𝑣𝑎 𝑔𝑟𝑎𝑡𝑢𝑡𝑖𝑡𝑜 𝑑𝑖 30 𝑔𝑖𝑜𝑟𝑛𝑖!

(in qualità di Affiliato Amazon io ricevo un guadagno dagli acquisti idonei)

Commenti

Post più popolari

Translate