Il rinoceronte - Eugene Ionesco

 

foto del libro "Il rinoceronte" di Eugène Ionesco


Casa Editrice: Giulio Einaudi Editore

Formato lettura: Cartaceo

Anno edizione: 2019

N° pagine: 129

Trama: «Quest'opera è valida per le dimensioni di teatro che, una volta di piú, lo straordinario talento inventivo di Ionesco apre. È un modello di teatro antipsicologico, ridotto a puro gesto, che la parola accompagna con una semplice funzione indicativa. 
E il ritorno alla pantomima, ai valori didascalici e parodistici della pantomima e qui Ionesco - sembra impossibile - si incontra con Brecht»>.

Dalla Prefazione di Roberto De Monticelli

In copertina: un disegno di Eugène Ionesco.


Leggilo in formato cartaceo 👉 Il rinoceronte - Eugène Ionesco
(in qualità di Affiliato Amazon io ricevo un guadagno dagli acquisti idonei)


Leggi la mia recensione per farti un'idea 👇


Recensione:

Eugéne Ionesco e George Orwell sono fenomenali quando si tratta di scegliere il titolo di un libro.
Da una parte troviamo Ionesco con "La lezione"e "Il rinoceronte", dall'altra Orwell con "1984" e "La fattoria degli animali"; nomindo i titoli più famosi.

I temi sono un po' quelli, dei distopici avvolti dalla nebbia dell'assurdità, ma un assurdo che racconta la verità e denuncia l'ipocrisia e lo sfruttamento negativo del potere, l'unica differenza è che nel caso di Ionesco si parla di pièce teatrali, cambia dunque la struttura del testo.

|

Parliamo un po' de "Il rinoceronte", un animale evidentemente scelto completamente a caso(oppure no?), ma origine di una discussione assurda tra i personaggi dell'opera: "Il rinoceronte con due corni è quello asiatico o quello africano?"

Tutto comincia quando una piazza di paese viene completamente sconvolta dal passare improvviso di un rinoceronte selvatico, non una ma ben due volte, che uccide il gatto di una povera donna.
Da qui comincia la discussione:
"Aveva uno o due corni?"
"È africano o asiatico?"
"Sono passati due rinoceronti o uno solo?"

C'è perfino chi pur, avendolo visto, non crede che sia passato davvero, ma manca ben poco perché la quantità di avvistamenti in città aumenti a vista d'occhio.

Si passa dunque dal non credere nella loro presenza al commentarne le caratteristiche, dal trovare l'evento buffo o casuale all'averne paura.
Seppure la scrittura sia comica e coinvolgente tanto da divertire il lettore, il tema del cambiamento è profondamente importante e serio, porta i personaggi alla disperazione e infine alla follia.


SPOILER ALLERT (chi desidera saltare questa parte vada alla scritta "Fine spoiler")



Il cambiamento non è altro che la trasformazione in rinoceronte e simboleggia l'aderimento al regime totalitario.
All'inizio il regime veniva rifiutato, fatto passare quasi per un miraggio, una leggenda, pian piano si è iniziato a crederci, ad averne paura, infine tutti ne sono stati coinvolti, se per paura o per vantaggio personale, indossare la nuova pelle da rinoceronte ha fatto sì che ci si sentisse vivi, liberi e realizzati.
Berenger, il protagonista, simboleggia l'uomo disperatamente attaccato ai propri valori di vita, seppur non lucidi, che cerca di resistere al regime pur finendo per impazzire nella solitudine.
Jean, l'altro protagonista, ben colto in confronto a Berenger, è invece uno dei primi ad aderire al regime ed è ben famosa la scena in cui dialoga con Berenger in casa, ed entrando e uscendo dal bagno mostra ogni volta un nuovo elemento da rinoceronte.


FINE SPOILER


Concludo dicendo che questa pièce mi è piaciuta molto, l'ho vista come una critica sociale e politica, oltre che morale e un approfittarsi dell'ignoranza popolare.
Ve la consiglio per conoscere un po' di più Ionesco e vi assicuro che nonostante i temi importanti la lettura risulta scorrevole e molto piacevole tra umorismo e assurdità.

𝕷𝖊𝖙𝖎𝖟𝖎𝖆

𝐶𝑜𝑛𝑡𝑖𝑛𝑢𝑎 𝑎 𝑙𝑒𝑔𝑔𝑒𝑟𝑒 𝑎𝑛𝑐ℎ𝑒 𝑖𝑛 𝑒-𝑏𝑜𝑜𝑘 𝑠𝑢 𝐾𝑖𝑛𝑑𝑙𝑒 𝑈𝑛𝑙𝑖𝑚𝑖𝑡𝑒𝑑! 𝐻𝑎𝑖 𝑢𝑛 𝑝𝑒𝑟𝑖𝑜𝑑𝑜 𝑑𝑖 𝑝𝑟𝑜𝑣𝑎 𝑔𝑟𝑎𝑡𝑢𝑡𝑖𝑡𝑜 𝑑𝑖 30 𝑔𝑖𝑜𝑟𝑛𝑖!

(in qualità di Affiliato Amazon io ricevo un guadagno dagli acquisti idonei)

Commenti

Post più popolari

Translate